fagiolini, nebbioline e altre mattine


Lei, prese la borsa e la riempì
di fagiolini, zucchini, pomodori
pensò anche alle pesche, con ancora
attaccate le foglie.
E disse, sarà contento.
Spostò il cane, le galline e la capretta
e pensò, domani sarà bene che vada, con
questa mia sciatica che non mi dà tregua

Guardò la nebbiolina del mattino, salire
come una foglia tenera che nasce
studiò la curva della collina e vide
la solita parte di vigna ma come vestita
a festa da grappoli e foglie

Fra poco avrebbe tirato su l’acqua dal pozzo,
con la carrucola cigolante
il pane stava a lievitare
pazienza che bisognava andare fin nel paese
per quelle quattro pastiglie del medico

Non sapeva se facevano male o poi bene,
solo le sembrava un ritrovo di casa
quel pacchetto, sul tavolo, da prender fisso
ogni sera, ora che Remigio se n’andava in taverna
con gli amici, a far girare la tuma nel bicchiere

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni, poesie e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...