Archivi del mese: ottobre 2007

stranieri 1

dalle 14 alle 19 Arrivo molto prima, mi preparo le schede, divise per livello  ( indispensabili per la mia sopravvivenza fisica, se no mi picchiano) Entrano alcune donne straniere dell’anno scorso.Secondo livello. Devono prendere i figli che escono da scuola … Continua a leggere

Pubblicato in Racconti, scritti miei, scrittura | 2 commenti

i monacielle

I monacielle   Sono le streghe dispettose che si dice ai bambini vengano su dal camino sotto forma di scintille.   Quando al sud c’era la magia ( quella che i " ricercatori" poi trovavano ) c’era tanta ignoranza ma … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie, scrittura | Lascia un commento

golfo mistico del teatro

Mia amata, ti scrivo dalla tolda di una nave ancorata tra le alghe dei Sargassi. Nei giorni che trattengono i nostri fiati sottocoperta e svuotano zèfiri e libècci   vorrebbero condannarci al reflusso sottotraccia    ( Isole che vediamo nel … Continua a leggere

Pubblicato in dichiarazioni, non poesie, poesia, poesie mie, poestica | 1 commento

A cu-ccu-‘a- sc * Un nervo che muove a infinito struggimento il vederti lenta nel reagire. Appoggiare il capo chino dal lato della mannaia e aspettare docile che si chiudano le vene. Ero piccolo, e la vaccinazione e la brioche … Continua a leggere

Pubblicato in memorie dellacqua, poesia | 3 commenti

Solo un balcone

Che non dicessero di comprare palazzi Che sarebbe bastato solo un balcone e due stanze per muoversi. Che le ossa non avessero a stridere, per questo serviva calore continuo, a giorno. Che tutto questo lo chiedessero da grandi, quando già … Continua a leggere

Pubblicato in memorie del vento, memorie dellacqua, poesia, poesie mie | Lascia un commento

AutoDaFè

Non so scrivere domande, questionari, tabulati Non so leggere Bandi, partecipar concorsi. Se viene di farlo, penso allo sparire delle varietà dei semi. Necessità di  capire di più sui terreni. (Mi imbambolo a leggere le pagine di giornale incartate ) … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie, scrittura | Lascia un commento

Rondò de la Furca

La macchina ferma , al verde Le mani al volante la madre che mangia sul seggiolino per farla star buona le dai un altro pezzo del tuo dito. Lo sgranocchia col sesamo urlettando dispettosa il nome del coniuge (morto). Le … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie, vento burla | 1 commento