Archivi del mese: agosto 2013

Minima moralia

  (tutta la vita impari alto e basso, alto e basso poi scopri invece che era tutto dentro e fuori, dentro e fuori) Quel giorno, anche le panchine s’erano fermate quel bacio che vedeva il cielo dal di sotto in … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | 2 commenti

I cani della peste

non c’è speranza per la poesia non c’è creanza, buona educazione parole compite che tengano se là fuori usano il gas come i nazisti e nessuno insorge l’avessero usato oggi, per gli americani o gli israeliani sarebbe venuto giù il … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | 4 commenti

Cambio di luce

  Mi piace il ferro, accarezzarlo, per sentirne l’anima, di terra. Non nominarlo. Mi piace la terra, lavorarla perché sia madre, perché dia cibo e nutrimento. Non nominarla. Mi piace guardare il cielo, studiarlo, per fissarmi i punti di riferimento, … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | 3 commenti

Troppu trafficu ppi nenti

Troppu trafficu ppi nenti Io mi annego perché questo mare non ha né fine né fondo E tra magheggi e fiumare il corpo cominciò a bollire come farebbe un caldaro al fuoco Giovanni iniziò a dipingere un giglio eccessivo e … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | Contrassegnato , , , | 5 commenti

Avanzi di rugiada

Avanzi di rugiada   Forse, era un vaso con un solo fiore mi piaceva con quel rosa stupito arrampicato sulle pareti per un momento ne avevo ricordato il nome mentre pensavo al regalo da farti mentre pensavo a come avresti … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | 5 commenti

AAA smarrite parole, astenersi perditempo

AAA smarrite parole, astenersi perditempo Un giorno, camminando, aveva perso la chiave. La chiave per dove? Si disse. Vedeva che gli altri andavano tutti, per l’altrove. Non riusciva a dire la frase completa, balbettava, e nel dubbio taceva. E pensava, … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | 3 commenti

La coppola

Camminavo quasi fossi stordito, ripensando alle cose da fare. Mi guardavano, ma ero trasparente. Ascoltavo, assente. Poi iniziò a piovere, pioggia calante come reti a mare. Noi pesci. Noi cristiani Dicevo a mio nonno, nonno nonno, che cosa è: poesia? … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento