Archivi categoria: lino di gianni

Contadine di parole

Contadine di parole Camminano di notte, o di primo mattinoriempiono strade di città dismesse,il peso maggiore, è quello dei libriA volte hanno un cane, o un gattoqualcuna finanche un marito Sorridono se c’è motivo, o per accoglienzadiffidano sempre, di chi … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

Dei cieli delle donne, e di altre maraviglie

Dei cieli delle donne, e di altre maraviglie Ci sono donne, che reggono MondiSi alzano presto, acchiappando la notteper la giacca gualcita da stelle Le bestie di stalla hanno odori acri,l’urina frammista alle grandi cacate,e il latte che preme nelle … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

l’ascolto gentile

L’ascolto gentile Non è finita la lotta di classesolo si è iscrittaall’albo dei Mutamentisono cambiate le lotte,trasformate le classi Un’amica premurosaha messo la testasul corpo dei bambiniin ascolto gentile comenelle conchiglie si ascolta il mare Se guardi con gli occhi,vedi … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

Fiori, case, forse silenzi

Fiori, case, forse silenzi Coltivo fiori in spazi improvvisatisemino a casaccio e dimenticocerco case difficili da raggiungerequalche inseguimento di cane, pecore silenzi Cancello tracce, biografie ricordiil pericolo più grande è la memoriaattendo che svanisca la fedeltà del canesi sveglia si … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

Se il cielo

Se c’era una cosa che aveva imparatoper piccola, imprecisa- sfocata che fosseE’ che i cieli possono cadere, se non trovanoAlmeno Una, mano, che puntelliL’ordito, il merletto di notte, lo strale d’azzurro Quei bottoni luccicanti. Ti può cadere nel bicchiere, d’improvvisoIl tuo … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

La sparizione degli alberi di gelsi

La sparizione degli alberi di gelsi (covar semi col buioe speranza con la brina) Prima di lasciare questastanza, vuoti le tascheoh, si! lasci tutto quelloche non è necessario, portisolo il biglietto e aspetti e io che in tasca avevo ilcavallo … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

Abbi cara ogni cosa

Abbi cara ogni cosa Abbi cara ogni cosasia la nave lontana d’orizzonteo il pacchetto di infuso di fruttadal lontano Giappone lacca preziosa abbi cara ogni cosal’alluminio che fonde e unisce l’acciaioo uno sguardo rubato al corvosul davanzale che passeggia e … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

Sempre sia la buona sorte

Sempre sia la buona sorte Sempre sia la buona sorteche lascia continuarechi lavora il legno,chi racconta una storiachi cammina nella notte oscuraSenza vera casa per ritornosenza memoria del passato Sempre sia la buona sorteche faccia incontrarele persone senza speranzae quelle … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

Lavorare stanca

Lavorare la terra, richiede segretiConoscere se acida o salata,se fertile o sterileAndare a dormire pensandoal cielo di stelle, e al seme chebuca la crosta Lavorare la terra, richiede dedizionedevi starci dietro come quandoallevi un bebè, che ora piange,ora ha fame, … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

Un folletto centenario

Un folletto centenariocon la voce di bambinapredica il silenziopredica l’ascolto del battitodelle ali di farfalla ha pudore della sua ombranon impone ascoltoma insegna a sentire L’universoche puo’ essere Infinitoma puo’ richiedere un corteo di formiche un folletto centenario si aggira … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento