Archivi categoria: lino di gianni

Mise

Mise la mano alla bocca per coprire un colpo di tosse guardò la crescita del Basilico provò la maturazione della Lavanda poi si fece leggera e chiudendo aprendo il suo vecchio grembiale come un Tulipano nella corrente ripose delicatamente l’anima … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

la po,esia

I prati le colline i mari piccoli e grandi passiamo la vita a ricostruirli dentro di noi attraverso la scrittura La poesia è come una Primavera finchè ci rimane la voglia di vivere tornerà (lino di gianni)

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

In forma di passante

In forma di passante con polveri sottili che offuscano i pensieri e soste ripetute per il fiato mancante ripeteva a memoria la canzone imparata in gioventù un piccolo concerto per un solo spettatore come se fosse necessario per eludere il … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

Cosa fai, cerchi ali?

Cosa fai, cerchi ali? No, cerco una voce Una voce silenziosa di cantora della cura delle persone, del capire i loro malanni del male alla testa e del male al cuore per diventare curandera Cosa fai, cerchi un nome? No, … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni, otto marzo, poesie lino di gianni | Lascia un commento

Vecchi

All’uomo col cappello ci dissero che lui era “anziano”. La qual cosa ci fece ridere a lui di persona in sé medesimo come se avessero chiamato albero dell’olio, l’ulivo. Mai il vecchio avrebbe ammesso che adesso aspettava il sonno come … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

Bitte, keine reklame

Bitte, keine reklame (Per favore, niente pubblicità) Non diteci che in questa parte di Mondo, la gente vive bene, ricca e felice Guardate gli ospedali, gli ambulatori gli anziani isolati in casa, i cortili vietati ai bambini, i giovani pagati … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

Slumare

Restammo luminosi in quel cielo pesante aquiloni inconsapevoli scappati dalle umide cantine usavamo i chiodi delle scarpe per portare lontana la palla Era una resistenza al lavoro che ottunde al tornio che t’impicca all’oratorio della domenica Avevamo meno dei venti … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento