Archivi del mese: giugno 2012

pranzo Circolo lettori

      un pranzo tra gli amici del Circolo Lettori di Avigliana-giugno 2012 il guizzo dei miei occhi è per un vino veneto rosè, Raboso, assaggiato dopo imbottigliamento da damigiana. Posto splendido, costo modico, compagnia sincera ( lino di … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | 2 commenti

il lato in ombra

Il lato nascosto delle foglie dove ombra dove bruco il peso lieve delle api in volo un’occasione di vento indecisa a cavallo di un temporale uomini in arancione che vivono di offerte portano la loro pace in segno di volontà … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | 2 commenti

il senso di Hilde per la guerra

slittò il senso di Hilde per le cose che accadranno gli uccelli che andavano a morire sul tetto della macchina il sognar serpenti il sognar del volo tutto slittò come se quell’unica fessura nelle giornate sempre uguali fosse bastata a … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

parole, parole

in ogni parola, che metteva via come una moneta come una preghiera con un sorriso apparente gli occhi in forma di domanda e dentro si diceva si! farò un pane si diceva nasconderò la chiave di ogni parola scorderò il … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | 2 commenti

Lei non è del Castello- Kafka

” Lei non è del Castello, lei non è del paese, lei non è nulla. Eppure anche lei è qualcosa, sventuratamente, è un forestiero, uno che è sempre di troppo e sempre fra i piedi, uno che vi procura un … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | Contrassegnato , , | Lascia un commento

cien años de hipocresía

  Guardò se fosse lo zucchero in ritardo sulla marea ma constatò terminato l’intervallo tra e fra Fondò una banda di violini tuttavia privi di archetto simulavano o si adeguavano al pizzicato che, chissà perché li faceva tanto, ridere Scrisse … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie | Contrassegnato , , , , | 4 commenti

a barca

E c’era il vento, leggero una bava, appena singhiozzo distratto e c’era la barca, in affitto pesante un armadio, e la muovevo un pochetto e c’era pochi soldi, in tasca e avevo preoccupazioni, che non era bastante gli sghei, el … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento