Il voto delle donne

2 Giugno 2021

Senza la lotta
(anche)
delle donne,
non ci sarebbe
stata la Resistenza

Senza il voto
(anche)
delle donne
non ci sarebbe stata
la Repubblica

Maria ha dovuto aspettare
1946 anni, per poter
contare con il suo voto

La verità storica
usa parole semplici,
come la buona poesia

Lino Di Gianni 2 Giugno 2021

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

Un figlio

Due minuti, e nasce un figlio
Venti anni, per spedire quel
razzo sulla Luna
Equipaggio, una sola persona

Sogni, volontà, memoria
e determinazione, delicatamente,
come si può

Se il lancio riesce, ci sarà
una luce in più, lassù
Altrimenti in casa
rimarrà un fiore e un gatto,
bianco

Lino Di Gianni. 1 Giugno 2021

George Benjamin Luks

The White Cat (1930)

Pubblicato in poesie, poesie lino di gianni, poesie mie | Lascia un commento

Siamo fatti di ricordi?

è strano come il cestino dei ricordi
abbia coperchi difficili da richiudere

cestino, chi userebbe mai
parole così, per metterci
gli attaccapui che ci lanciavamo
alla schiena
o il tirascartocci di mille
battaglie di carta
o i tacchetti di plastica delle prime
scarpette da calcio sul
prato di periferia
e il fango, della pioggia
e le macchinette proibite
alle giostre dove si vedevan
figure di donne discinte
che sembravan della belle epoque?

son strani questi ricordi
imbambolati, neuronali
come la marmellata zuegg
in gelatina o quelle rotelle
di liquirizia con la caramellina
al centro!
e il gusto dei carrubi?
dei fichi d’india?chi mai lo direbbe
che una neve nella scodella, con due dita
di vino cotto diventasse
una torta splendida!

i peperoni ripieni al forno
con la mollica bagnata nel latte
acciughe e prezzemolo!

forse, siam fatti di ricordi
a prestito, poi ce li richiedono
e la nostra storia, finisce lì

30 agosto 2012 lino di gianni

Pubblicato in lino di gianni | 5 commenti

Elogio della mitezza

Credeva nel valore salvifico
della parola
ma, poiché le parole erano imprecise,
per farsi capire occorrevano
reiterati tentativi di spiegarsi
Una fatica improba

Per questo , ormai, parlava
solo per frasi telegrafiche
Se c’era una disputa
s’iscriveva tra i perdenti,
se c’era un premio
rinunciava a concorrere
Chiedeva scusa a priori

Studiava, piuttosto, nuove genti
Coloro che silenziosi, agivano
dimessi, ma determinati, che
con mitezza difendevano
il futuro dei nuovi nati
Il diritto a un mondo non logoro
non usato, non tossico

Un mondo nuovo, forse
ancora possibile

lino di gianni

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

Mucca Rosa

Mucca rosa.

Una mucca rosa, fa ridere
strappa il sorriso
ti sembra che a mungerla
sortiscano poesie

Una mucca rosa, è normale
per i bambini piccoli piccoli
perché gli animali a volte
sono blu, le case hanno il fumo
sul tetto e c’è sempre un albero
che ti aspetta

La mucca rosa può profumare
di bellezza o avere la puzza
nello sguardo che respinge
Dipende

Il dipinto più terribile
che io conosca lo aveva disegnato
un mio amico alto comel una giraffa
Aveva perso suo fratello in mare
in una notte buia, mentre era con lui
perciò i suoi quadri
erano tutti di colore nero

lino di gianni 31 Maggio 2021

“Pink Cow”.(1930)
By Marc Chagall.Russian-French painter
Saint Louis Art Museum

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

Vuoti a rendere ( scritture dimesse)

A ben vedere, agli occhi altrui
siamo orsi vaganti
affamati di cibo e di riconoscenza

Solo che schiere di individui
senza volto né storia
distruggono la foresta
alzano muri e
instillano nuove paure
per bloccare le foglie nuove

Io, che mi muovo con lentezza
che perdo ricordi come
buchi con l’ acqua,
guardo senza voce le truffe ripetute
le favole ingannatrici

e sogno stanze di colore pastello
create da un pittore che non mi urli
la sua Potenza, ma colori il mite
incontro col suo pozzo più profondo
a cui attingere con pudore
nelle ore del più desolato, dolore

Lino Di Gianni. Maggio 2021

Henri Matisse.
Savrano Roses at the Window; 1925 

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

Piccole perle, selezione

Esistono momenti di Palude,
nella Storia, e periodi in cui
il Vento spinge impetuoso
Così è per la società, così
per la vita personale

Quando succede di
essere coinvolti nel turbine
dell’ imprevisto, le parole
ci mancano, alziamo gli occhi
al cielo e riprendiamo il
limitato posto che ci spetta
Per la Storia, la nostra vita
ha la durata di una nuvola,
anche se ci sentiamo Cielo

lino di gianni 25 Maggio 2021

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

Di papaveri e di altri paraggi

Di papaveri e di altri paraggi

Le macchinine umane
si recano ogni mattina
al proprio posto di convocazione
Dentro scatolette di latta costose
uno solo dentro
chi a timbrare fogli chi a ripetere formule
chi a accudir fantasmi

È normale che il lavoro non ti piaccia, ragazzo
altrimenti, che ti paghiamo a fare?
io ordino la cena a casa solo per
il piacere di vedere un giovane schiavo
in bicicletta, e chiedergli
è per questo che hai studiato?

Mi chiedevo quando sarebbe arrivato
il virus del capitalismo
che distrugge tutto, ma con calma
in zone ben delimitate,
Palestina, mar Mediterraneo
insomma: guerre a bassa intensità, no?
Eroiche infermiere istruiscono i bambini
sulla vita dei papaveri, in attesa delle
bombole di nuovo ossigeno

Lino Di Gianni. 14 Maggio 2021


Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

Africa Rap

Africa Rap

E siam venuti, venuti di notte
E siam rimasti, rimasti a botte
Niente avevamo, solo strada
buio e tormento
e manca acqua, anche se piove
e senza soldi, ma c’è petrolio
forse la geografia,
è filosofia

l uomo bianco non è
razzista
lui rispetta il ricco, anche se nero
è solo il povero, che gli fa schifo
che gli fa schifo, davvero
E siam contenti, e preghiamo in tanti
che ci sia la festa del Ramadan finito
solo che è strano festeggiare con bombe
del nostro vicino israeliano
E manca l’ acqua, e noi suoniamo
magari un giorno, ci ascolteranno
anche i bambini, hanno memoria
noi suoniamo, siamo la Storia

lino di gianni 13 Maggio 2021

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

Amori fragili

Amori fragili

Quando il cielo, era cielo
caduto sulla Terra,
insieme allo sguardo, loro

L’ orologio a pendolo fermo
sulle tre, il vento si era calmato
Pensi che potremmo spogliarci ?
Sì, ma insieme, per favore

Lui si levo’ l’apparecchio, dalla bocca
Lei si sgancio’ il reggiseno, con le protesi
A lui si irrigidiva la schiena, per i reumatismi
A lei sbuffi di calore, per la menopausa

Si fermarono, si guardarono,
scoppiando a ridere
Lui, le bacio’ la mano
Lei disse solo, piano

Un soffio di vento appena,
tra i capelli

Lino Di Gianni. 7 Maggio 2021

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento