Per fare bene le patatine fritte

Per fare bene le patatine fritte

Prendere una piantina di parole
parole attente sorvegliate ma curiose
cercare un terreno adatto all’ascolto
poi
non avere fretta, non credere a ciò che sembra
ricordarsi di coloro che scrivono libri di poesie
e poi nella vita di tutti i giorni sono tra i primi arrivisti

Prendere una piantina di parole
vedere che vita di fatti ha alle spalle
quali le scelte ha realizzato nel corso del tempo
i soldi sono un ottimo rivelatore delle ipocrisie
gente che accumula come per erigere fossati a difesa

Smettete di leggere poesie consolatorie
la forza delle parole è quella di un bambino
che desidera qualcosa, anche se ancora non sa
che la sua più grande disgrazia, sarà realizzarlo,
quel desiderio

(lino di gianni)

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

Poesia senza fissa dimora

Poesia senza fissa dimora

Alle persone fragili
ceppi che ardono
nel camino dei disagi
alle carrozzelle che
non hanno gambe bastanti

alle persone troppo anziane per riuscire a parlare in fretta
le parole scappano,
i pensieri vanno alle spalle
gli altri hanno sguardi di commiserazione

alle persone silenziose che non sanno aggiustare niente
che se toccano qualcosa
creano disordine
che non dormono
mai una notte intera
che se raccontano
un sogno alzano la voce
per paura che spariscano

ai bambini che misurano tutto dall’altezza degli alberi
e che quando gli adulti li guardano non vedono mai
che corrono sul bordo degli universi

alle persone che leggono un libro per chi non vede
che spiegano a segni per chi non ha udito
a chi si muove ignorando i confini

a loro è riservato lo spazio della poesia senza fissa dimora

( lino di gianni ) 19/10/2019

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

Un sasso bianco in mezzo ai dolori

In mezzo ai dolori
dei viandanti della vita
può capitare di raccogliere dal sentiero
delle piccole pietre che attirano la nostra attenzione

Non sono pietre speciali e non hanno nulla di particolare
e tuttavia fermano sguardo e battiti del cuore
come in veste di domanda

Che ci faccio qui?

Con una vita con gli anni limitati
con una piccola immaginazione che deve
confrontarsi con l’imponderabile del mondo

trovare il posto per il sasso bianco della poesia
è come affermare la necessità della trasparenza
delle ali, mentre sei sospeso in aria,
in presenza di volo

(lino di gianni)

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

Contro il macellaio

Contro il macellaio

In quale Tempo vivono
le ragazze di Kobane
per essere tra le montagne
con le divise da combattenti
stringendo armi , paura e necessità
di coraggio?

Al tempo della guerra contro l’Isis
hanno messo in gioco la propria vita
( che è una, è una sola)
per difendere la comunità
dall’orrore dei decapitatori senza onore

Al tempo della guerra contro il dittatore
che usa l’arma dei vigliacchi
( le bombe dei ricchi che uccidono tutti)
è il popolo intero curdo chiamato
a difendere la ragione del suo esistere

Basterebbe che un popolo in Europa
facesse crollare
acquisti turismo merci
al macellaio turco, alle aziende italiane in Turchia

Ne saremo capaci?

O lasceremo che anche l’Europa
si divida le frattaglie avanzate
al patto di spartizione tra Trump e Putin?

(lino di gianni)

#iostoconicurdi

Pubblicato in lino di gianni | 1 commento

L’ombra

L’ombra assiste al nostro
Sogno, commensale partecipe
Del vano combattere

Come fossimo carta, su cui
Scrivere, a futuro
Intendimento

Il tempo scorre e abbiamo
Più fioriture di qualunque
Altra specie, a volte
Qualche frutto, immagini
Da ricordare e qualcuno
Per cui siamo stati
Importanti

La barca si stacca dalla riva,
L’unico momento da capire

(lino di gianni)

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

Esiste una sapienza

anziana 001

Esiste una sapienza
che non ha sguardo
non rapina incontri
non necessita di un pubblico

Ha degli occhi antichi
che si perdono nel vicino
e ricorda solo i particolari lontani
(quanto prezzemolo in quel piatto
i barattoli di miele di quel raccolto
il tipo di patate necessarie per gli gnocchi
la volta che la stella della Mole cadde
nel maggio del ‘53)

E’ una sapienza che parla in dialetto
ma solo nella testa
che lavora tutto il tempo ma solo
per le cose a cui tiene
che pratica lo scambio il baratto
l’abbraccio la crescita di una pianta
la restituzione di uno sguardo

Questa sapienza io conosco
dove abita e quando passo
qualche volta abbassando gli occhi
mi sembra quasi che mi sorrida

da “Permesso di soggiorno- Lino Di Gianni- Feaci Edizioni

#poesie,#linodigianni

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

Il mondo brucia

Torino 27 Settembre 2019 Officine Creative

Non sembra, ma…

Non sembra, ma che i ragazzi
pensino a diventare vegani o
almeno vegetariani, cambierebbe
molto nel mondo produttivo

Non sembra, ma introdurre una lotta
contro le plastiche da usare
cambierebbe molto, nel mondo produttivo

Non sembra, ma che dei giovani adulti
interiorizzino che l’acqua è pubblica, è di tutti
ci dà qualche speranza,per il futuro di rapina
dei monopoli

Non sembra, ma che queste scelte
passino attraverso scelte personali e provate
fisicamente di persona, cambia molto, rispetto alla delega

Che i giovani scelgano la bici,
anzichè l’auto che inquina
che scelgano le foto, anzichè la caccia
che aboliscano gli zuccheri, per non finire come i Trumpiani
che diffidino dei medicinali, chiedendosi cosa c’è dentro

Tutte queste scelte, mi sembrano una bella
applicazione di uno slogan del movimento
femminista: il personale è politico

Ecco, se riusciremo a far passare che la lotta
al femminicidio è una lotta contro
un uomo primitivo e di rapina tipico del capitalismo
forse avremo compiuto un grande passo in avanti per
tutti noi, uomini donne bambini anziani e animali e regno vegetale e minerale,

perchè il Mondo Brucia

(lino di gianni)

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento