Il senso della Storia

vo anh kiet vietnam (2)

Il senso della Storia

Il Tempo gira il mondo
sottosopra come una clessidra
lo sguardo imprigionato
nei piccoli sacrifici
gli sforzi per sopravvivere
pensando ai cibi di campagna
(e invece cavie da laboratorio
diventeremo plastica)

Non riusciamo a concepire
se non gli anni di una vita
e anche quella più lunga, altrui
ci sembra troppo breve
al cospetto dei secoli della Storia

E anche il nostro morire
è senza riti di passaggio
nati appena di mattina
finiti come lucciole
appena un giorno trascorso

Chi nel gioco delle confusioni
ha la fortuna di un pacchetto di
emozioni, ringrazia e ricorda
più che della polvere dei secoli
le scintille tra due pietre,

esca di paglia, lui.
E l’incendio dell’ amore,
sulle guance, lei

(lino di gianni)

Annunci
Pubblicato in lino di gianni, poesia. lino di gianni | Lascia un commento

Distanze

Attaccati, come zampe di mosca
tra noi e lo smarrimento del mondo
un sottile strato di vetro

quanto rimarremo separati
dalla nostra coscienza?

(lino di gianni)

Pubblicato in lino di gianni, poesia. lino di gianni | Lascia un commento

L’amore è un codardo?

02_Dondero_1963

L’amore è un codardo?

(La parola grida abbaglia e invoca l’ombra
poiché tale è la sua potenza
che la sua lingua è ormai la mia)

Prima che la residua luce
cancelli ogni parola
io dico che su questo muro
ho inciso una domanda

L’amore è un codardo?

Quella cosa che ti fa
stringere la pancia
per paura di sbagliare
che ti arrossa di calore
improvviso alle guance

quella cosa che tu pensi
sempre all’altro
come se non dovesse venire mai
come se l’avessi inventato tu
lo sappiamo in tanti:

non esiste non è reale
sono favole per bambini

Quell’amore è un codardo
che non sfida mai al duello
che si svolge senza pistole
armati di lunghi sguardi senza parole

Chi sei tu? Come nasci? Cosa pensi?
Cosa senti nella bolla che hai costruito?
quali i fantasmi e gli aquiloni che insegui,
i cordini attaccati ai polsi,
le catene che non vedo?

Quell’amore che non chiede,
che si alimenta di paure e di assenze
che sottrae volti all’amato,
quell’amore è un codardo!

Io voglio credere al grande letto
dove insieme siamo in tre
col piccolo bambino che si insinua
per paura della notte nera
e un po’ è pelle tua un po’ ha
gli occhi miei si nutre di carezze
di attenzioni e di regali non richiesti
Ha una canzone sommessa
rituale di scaccia-paure
è un cerchietto magico
con le piume dei pellerossa
Dentro si catturano sogni
finchè i mostri se ne vanno
Lino Di Gianni

 

 

 

 

Pubblicato in lino di gianni, poesie lino di gianni | Lascia un commento

Nel margine

08_Dondero_2002-e1450094776274Nel margine, la parola

si confonde si arrende
alle evidenze si nasconde
alle urgenze

bebè appena nata cerca
alla cieca il capezzolo da
suggere, ma va bene anche
la faccia della mamma,
va bene anche stare a guardare
pensosi, di sé, degli altri

della vita che comincia per i
ragazzi che scardinano le porte
per entrare nelle primavere
della vita che s’attarda

per i vecchi che confrontano le medicine
si passano vecchie ricette di cibii,
mentre conservano i vestiti
comprati in anni passati,
levigati sassi sospesi nei
piccoli mari

nel margine le parole sono altre
altere o alterate o diverse da quelle
pensate, si alzano a testimoniare
di una piccola vita la grande guerra
la parte che ci tocca, la quota d’aria
d’amore e di dissenso, la sospensione
del tempo gravida dei figli
l’assenza delle pagine da girare ancora

rimane, nel margine, il gioco
assorto della bambina,
tutto il mondo è lì,
mentre inginocchiata
spinge il suo legnetto decolorato
senza tossicità, quasi fosse il
bulbo che abbiamo piantato io e te,
e che adesso sta spuntando,
sai?

(lino di gianni)

Pubblicato in lino di gianni, poesie lino di gianni | Lascia un commento

Avigliana

P_20180607_160255

Immagine | Pubblicato il di | Lascia un commento

ultimo giorno di scuola

5_pergamene

Immagine | Pubblicato il di | 2 commenti

Il dolore

Quando il dolore è troppo grande
non c’è lingua che possa contenerlo
perdere un figlio piccolo
mentre stai cercando una nuova vita

Non basta il mare a seppellirlo
non basta la notte ad addormentarlo
gli occhi nel dirtelo contengono
ancora quel sale
e il silenzio che l’accompagna

(lino di gianni)

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento