Archivi del mese: agosto 2008

Il primo giorno, la finestra rimase chiusa. I cani abbaiarono, confondendo le attese, nell’aria l’odore di pioggia, che non venne. Nel posto delle fragole, vicino al muro, un secchio capovolto, la gomma dell’ acqua tra la polvere. Qualcuno disse di … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie | 2 commenti

padrone mio Meloni, gialli palloni da rugby che nessuno vuole buttati sotto un ulivo stoppie arse, raganelle che tessono un canto di vedovanza. Chi non li conosce non sa il verde pallido che hanno dentro, i meloni di pane ape … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie | 1 commento
Pubblicato in grafica, headers, miei | Lascia un commento

Histoire

Quando ti dico una cosa che ( mettiamo, sorprende) e ridi come se bambini uscissero per un gioco e dici mi piacerebbe un mantello magico che ( quasi stanno scoprendo una sostanza che rende invisibili) io ti guardo faccio un … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie | 1 commento

In borse segrete, con sguardi d’intesa ci incamminammo attenti verso luoghi d’incontro con pochi gesti scambiati. Lasciammo parole   svuotate come case, qualcuno smarrì anche il ricordo della voce del figlio. Altri rimasero intenti a spostare i confini di un … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie | 1 commento

Scialle di seta che cade ( battiti di farfalla o scavi di vanga ) il bambino del Senegal cerca l’oro a quattro anni, nel suo buco lalega chiede libertà di grappa le donne dell’Ossezia non sanno perchè le bombe nella … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie | 1 commento

lucchetti di felce

Senza documenti in regola senza fissa dimora ( col braccio attorno alla testa del figlio) lo sguardo che traccia confini solo per gli animali che passeranno, l’acqua che scende diversa secondo le ore ( preziosa nella traversata di sale) Tutto … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie | 3 commenti

Siamo incerti nel camminare nel venirci incontro con passettini attraverso il ponte spio i segni sulla tua faccia per (rassicurarmi). Mi fai camminare sulle parole che imbastisci polsini sulla mia pelle risvolti dei pantaloni (corti e rido a 10 anni). … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie | 1 commento

La porta Sul limitare del bosco, su dove finisce con alberi sparsi e comincia una riga d’acqua che diventa sasso.   E più in là , dopo il raccolto di spighe dopo il ponte in disuso la macchina rotta di … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie | Lascia un commento

Con la bocca dal lato del mare aperta per i campi tanto più grandi. Con la birra in disciplinate vene camminano senza gioia e tu dici senti che silenzio e io che guardo palazzi di secoli con le grida tenute … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie | 1 commento