Archivi del mese: agosto 2014

Bertolt Brecht, “A coloro che verranno”, 1939.

Bertolt Brecht, “A coloro che verranno”, 1939. Davvero, vivo in tempi bui! La parola innocente è stolta. Una fronte distesa vuol dire insensibilità. Chi ride, la notizia atroce non l’ha saputa ancora. Quali tempi sono questi, quando discorrere d’alberi è … Continua a leggere

Pubblicato in poesie | Contrassegnato | Lascia un commento

Nel Gran Circo della Vita-poesia-lino di gianni

Sono, le parole del mattino lo sguardo su una esterefatta parte di mondo forse quella che hai lasciato, nella notte forse è cambiato il tempo un sonno più inquieto Sono, i silenzi del mattino lo sguardo di una riconoscibile parte … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni, poesie | Contrassegnato , | Lascia un commento

la donna disse#linodigianni

La donna disse La donna disse, non considerano Mai gli animali, che muoiono Nelle guerre, tutte insensate L’uomo disse, e soprattutto mentono Prima e dopo Sapevi che 250.000 soldati italiani. si sono Suicidati, pur di non fare la Prima guerra … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

Perchè serve la poesia?

        Perché serve la poesia? Giovane di belle speranze, chiesi a mio padre, perché la poesia è necessaria? disse lui, in risposta, o vai a questa scuola, o a lavorare mia madre disse, studia, qualunque cosa sia, … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni, poesie | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Le custodi della parola

Le custodi della parola (a Giulio Angioni) Torni, e il paese è cambiato sono rimaste alcune case, due strade che scappavi da piccolo c’è ancora zi’ rusinell anche se non c’è lei rimane il suo scialle in testa,a tutte le … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni, poesie | Contrassegnato , , | Lascia un commento

In fondo

              Conserviamo,in fondoA noi, fiato e spaventoIl ricordo di quandoScalciammo, appesiIn giù, per la prima aria (lino)

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

Io, scriva poesia su Cana ( cana di me, eh?)

          Io, fortunato uomo, perché Io trovare granda buona cana Lei gioco tanto lei io me felice Cana, no grida fa bau bau,ma piano! Cana, no morde denti si, ma poco poco Cana ha grande belo … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni, poesie | Contrassegnato , | 1 commento

Quattro ragazzi

          Quattro ragazzi Quattro ragazzi corrono Giocano al pallone Vicino a una spiaggia Ma non è un tempo di calcio La partita non è normale C’è un arbitro che decide Di interrompere la partita Con il … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni, Palestina, poesie | Contrassegnato , , | Lascia un commento

La lingua salvata

La lingua salvata ste-c conz-t comm na mulagnan dint a buatte din’t na vippt d’acqua fresc sent addore e malvarose sta rattrappito come una melanzana dentro un barattolo in una bevuta d’acqua fresca sente odore di malva rosa le parole … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni, poesie | Contrassegnato , | Lascia un commento

Addaqq i’ grast (bagnar le piante )

Addaqq i’ grast (bagnar le piante ) passeggiavo, stando fermo parlavo, tacendo, nel ribollire dei pensieri, mosto a fermentare una cosa, una cosa non potevo accettare che per scrivere di poesia ci volesse un golfo protetto dalle maree una scrittura … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni, poesia | Contrassegnato , | Lascia un commento