o monologo do meu amor


cuesto es o monologo do meu amor
parole incerte,ali di farfalle appena sbattute

vorrei bracciare un albero, albero di gelsi
coi bozzoli della seta, che cosi ti faccio uno chemisir
che tu non sai che cos’è e cosi ci ridi di scappata come fossi tu piccola e io a correre sulle variazioni del tuo viso
batti le ciglia, alfabeto morse
fammi raggiungere

con un salto a piedi uniti
la sedia su cui stai.

Mangeremo ciliegie, faremo l’amore, e le pagine girate, con indolenza
saranno libri, da leggerci a memoria, poi un domani

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in poesia, poesie mie, vento largo. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...