Ninco Nanco, brigante. Poesia. Lino Di Gianni.


Ninco Nanco, brigante

« Il governo italiano ci manda contro la forza a perseguitarci;
ebbene, facciamogli vedere fin da oggi che noi
non abbiamo intenzione di prestargli obbedienza. »

Ninco Nanco (*)

Arrivarono come briganti
in mano vecchi cimeli
tromboni schioppo e scopette
se dovevano sparare
tutti sarebbero stati
avvisati

Si guardarono attorno
per cercare vie di fuga
valutare quante forze
avrebbe messo in campo
il nemico
qualcuno si distrasse
impietosito dallo stato
degli orti e cominciò
a tagliare la cicoriella

le donne raccolsero vicini
i bambini e il capo in testa
guardò sua moglie come a dire
preferisci che tagliam loro
la testa o mostriamo il cuore
e il fegato insesistenti?

Fiori, disse lo sguardo di lei
dobbiam raccoglierli
con intatte le radici
che la mala pianta
non possa più riprodursi
altrove ma solo nel nostro
giardino per far vedere
al nostro figlioletto
cosa c’era, prima di lui
per noi

Gli occhi spiritati di Ninco Nanco*
tornarono a guardare
le colline secche delle sparute
caprette e i laghi verdeggianti
dei laghi di monticchio
i piedi abballarono una vecchia
canzone che come titolo diceva
briganti si muore

*

Giuseppe Nicola Summa, detto Ninco Nanco
(Avigliano, 12 aprile 1833 – Avigliano, 13 marzo 1864),

è stato un brigante italiano.
Uno dei più devoti luogotenenti di Carmine Crocco,
fu protagonista di numerose rappresaglie
ai danni di ricchi possidenti e militari sabaudi.

Era conosciuto per le sue brillanti doti di guerrigliero,
per la sua freddezza e la sua brutalità, attributi che lo resero

uno dei briganti più temuti di quel tempo.
Benché noto per la sua efferatezza,
viene da alcuni considerato un eroe popolare,
parte di quella schiera di popolani
che si ribellarono ai soprusi e alle repressioni

29 luglio 2012 Lino Di Gianni

Annunci

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni, poesia, poesie, poesie lino di gianni e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Ninco Nanco, brigante. Poesia. Lino Di Gianni.

  1. Fausto marchetti ha detto:

    a vederlo in foto ricorda un eroe e forse per un certo verso lo è stato davvero.

  2. linodigianni ha detto:

    in genere le rare foto dei cosiddetti briganti erano da morto, l’esercito oppressore segnava la memoria dei vincitori

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...