Koo-hi- noor


Hikmet, che staccavi bottoni sui vestiti smessi
che tenevi un piede sempre sollevato,
per non essere prigioniero della Terra..

Che sorridevi per primo agli sconosciuti
mentre aspettavi l’uccello pirata
col galeone delle briciole.

Hikmet, fiume sotterraneo nelle bocche delle ragazze
che hai raggiunto le montagne del Tibet
guardando un poco oltre la tua testa
e quando ne hai ricevuto un cenno d’intesa
hai trovato una caramella mou dove finisce l’arcobaleno.

Hikmet,  perso tra le ragazze berbere date in sposa
ai caproni analfabeti
affogato nelle  pozze  di verdi occhi concentrici
ti aspettano accanto a una rosa del deserto,
pietra dimenticata nella tasca
di un grembiule.

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in dichiarazioni. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Koo-hi- noor

  1. aizarg ha detto:

    … è proprio bello quello che scrivi!!!

  2. lainus ha detto:

    grazia..gli indigeni di qui dicono: esageruma nen:-)

  3. LaSirenetta ha detto:

    caramelle mou alla fine degli arcobaleni e pietre dimenticate … forte e delicato, mi piace!

  4. LaSirenetta ha detto:

    ps: bella l’idea del doppio regalo alla suprema amica… tu comunque di ciò che si trova sul mio blog puoi farne ciò che vuoi… come chiunque altro, beninteso!
    splash!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...