Archivi categoria: vento stretto

Desculpe

..E per dirti che, mi son piaciute le tue galline che volano sull’albero E la Faraona con le ali mozzate che non pesano piu come quelle di una volta. E la pancia del pinguino che mangia soldi ma solo se … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie, scrittura, vento stretto | Lascia un commento

Lampi del cinquanta

Nelle preghiere a mente fredda e bocca chiusa nella vasca all’ombra venne su il basilico e sotto i piccoli venti un po’ di mare salì sulla mia schiena cosicchè con la zappetta tolsi appena un poco di terraglia prima di … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie, vento stretto | 2 commenti

Avvistamenti

Quello che videro, furono le braccia coperte da uno scialle di lana incrociate , distratta rincorsa di volo. Staccarono petali, sbocciò una corolla, i capelli tornarono grigi il profumo neonato: e un passetto spostamento e un moto dei fianchi aperta … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie, vento stretto | Lascia un commento

Uova

Di tutta questa città, non vedo che la cassa di un supermercato, il banco della farmacia e la sala del dottore. Se mentre prendo il tè  ( al limone con miele ) guardo un po’ di televisione è solo per … Continua a leggere

Pubblicato in canzoni, poesia, poesie mie, scrittura, tempeste, vento febbre, vento stretto | 5 commenti

hybris

Dei pesci nella  vasca di cemento girano aperti a tutte le stagioni immobili se il ghiaccio filamenta. Dal gioco in una busta occhi al bordo della nebbia. Una delicata gru metallica li solleva, rotea , si ferma: sull’ombra esatta segnata … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie, vento stretto | 5 commenti

mercoledì, 26 aprile 2006, ore 23:01 giorno verrà, (il dopo 25 aprile) e gira negli occhicaffè dondolanti sposta piedi come aricordare un ballo non per questi sentierida volpi timidenon per finire galline impiccate dopo che le bombele abbiamo smontate dentrodopo … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie, scrittura, vento stretto | Lascia un commento

segno delle correnti

una tela assorbe la pioggia cadente cercando pareti immaginarie. Sui muri il segno delle correnti marine gli sguardi pesci sfuggiti fili sfibrati crepe improvvise un muoversi d’alghe. Assorto,cammino orizzonti rimasti. Assecondano l’onda calate d’uccelli, per semi spostati ancora germogli. Dunque,è … Continua a leggere

Pubblicato in vento stretto | 3 commenti