Archivi categoria: vento burla

les choses sont claires

Nelle lingue diverse, aspettando ad un angolo una puttana la violenza del comprare l’insalata deliscare l’acciuga salata, io adoro queste tue scritture. Mi dica quanto fa, poi passo a pagare. La vuoi cioccolatino perugina, tutta bella incartata ? che ti … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie, vento burla | Lascia un commento

ChebellochevieneNatale

Illuminazione… uhm, si mettiamo un bel po’ di luci, no ? Qualcosa che crei il clima, hai presente, un alibi per comprare se no, con i tempi di magra, le tasse e la benzina, il pane e il salame.. Be’ … Continua a leggere

Pubblicato in non poesie, poesia, poesie mie, poestica, poeti ingenui, scherzi in mi minore, scrittura, vento burla | 3 commenti

Rondò de la Furca

La macchina ferma , al verde Le mani al volante la madre che mangia sul seggiolino per farla star buona le dai un altro pezzo del tuo dito. Lo sgranocchia col sesamo urlettando dispettosa il nome del coniuge (morto). Le … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie, vento burla | 1 commento

Ramarri notturni-2006

  la mia macchina è ‘mpazzita m’ha detto lasciami stare che ci ho voglia di scrivere stasera, non stare sempre lì a guardarmi le virgole che magari mi scapa una ‘pifania Che io lo so che stai sempre a pensare … Continua a leggere

Pubblicato in vento burla | Lascia un commento

sabato, 29 aprile 2006, ore 22:30 Lunapapa leggere lo spartito, conoscerlo a memoriaanticiparne i passaggistendere le dita sul ponte di una nave sonoradirigerne i venti,gli svoli ,gli approdi. Mi faceva gli agguati.La musica.La musica che dovevo suonare.Mi imponeva i suoi … Continua a leggere

Pubblicato in memorie del vento, poesia, poesie mie, scrittura, vento burla | Lascia un commento

lunedì, 24 aprile 2006, ore 07:36 Non sogno mai, ricordo niente. Nel chiaro del latte del primo mattinocol fumo del caffè evaporano sogni. Non sogno mai, ricordo niente.Una viaggiatrice mi chiedese questo treno va in Thainlandia;rispondo di sima prima ferma … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie, scrittura, vento burla | Lascia un commento

mercoledì, 25 gennaio 2006 Un giorno volevo fermarmi aguardare una torre, ma la torre non c’era.Allora pensai di mettermi come chi guardadalla finestra di una torre,e osserva il passantefisso in osservazione.Dunque, eravamo io e sta torre che non c’erae pensai … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie, scrittura, vento burla | Lascia un commento

Scherzo in Si minore

Occhi Tarocchi , per lo sguardo traverso Uno, Due- s’apre al sorriso Lungo la linea dell’ Orizzonte s’avvicina al monte Atalante Piuma Calamaio, per scritture gridate Uno, Due – ripetine il Suono Lungo la linea dell’orizzonte s’avvicina quell’acqua Voce Vetrata, … Continua a leggere

Pubblicato in vento burla | 2 commenti