Archivi categoria: tempeste

Clowns

Una ragazzina attraversa il corridoio ondeggiante tra la sua faccia buffa down e le gambe mal sorrette è tenuta per mano se potesse urlare sentiresti infuriare tempeste se potesse calmare le acque coprirebbe di miele il mar dei sargassi vicino … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie, tempeste | 2 commenti

Bianco su bianco

Bianco su bianco Hanno messo fiori, quest’ oggi sul banco dei cafoni quelli nuovi, nati qui, con l’orecchino e l’ipod ma sempre il formaggio sul sugo. Il banco nella fabbrica non si vedeva tanto, propriamente che per una distrazione del … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie, tempeste | 1 commento

As You like it Come più vi piace, sceglietevi la carta, il pacchetto il giorno e l’ora per gli anni a venire che la misera cosa di oggi germogli nel ricordo fino a diventare meraviglioso albero reti di pesci tropicali … Continua a leggere

Pubblicato in memorie del vento, poesia, poesie mie, tempeste | Lascia un commento

In morte dolente .

In morte dolente . Mai avrei pensato di finire fritto come un pesce che la schiuma non ci fosse che l’acqua non bagnasse chi poteva urlare se non i draghi più forti dei cannoni Krupp ( chi erano i Thyssen … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie, tempeste | Lascia un commento

Uova

Di tutta questa città, non vedo che la cassa di un supermercato, il banco della farmacia e la sala del dottore. Se mentre prendo il tè  ( al limone con miele ) guardo un po’ di televisione è solo per … Continua a leggere

Pubblicato in canzoni, poesia, poesie mie, scrittura, tempeste, vento febbre, vento stretto | 5 commenti

Casseruole

Mi alzo al mattino presto per preparar cucina, prima del sole tigre dagli occhi soffocanti Faccio ciò che promisi di non mai fare vedendo mia madre al mattino costringermi ai fumi dei pomodori a colazione. D’altra parte, sul mio tavolo … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie, tempeste | 5 commenti

bombe a grappolo

In forma di spada, forgia la tua tenerezza ma che sia dallo sguardo lungo che non perda acqua che necessita, assai, qui da noi. Ha rischiato la morte per cercare il suo posto di sguardi è stato per annegare e … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesie mie, tempeste | Lascia un commento