Archivi categoria: extramuros

Horcynus Orca

I grilli taceranno per strade allagate. Aria, impedirà il respiro  in forma di domanda. Cercate se ancòra il volo degli uccelli. In quel paese dove non più rotte né stasi né segreti. Fermatevi. Nel posto scelto. Se morte, che sia … Continua a leggere

Pubblicato in extramuros, poesia, poesie mie, scrittura, vento febbre | Lascia un commento

Incertezze, ctònie

Incàuti sibilanti passàggi                             mi metta pure la carta gràzie Evita gli occhi troppo intimi non sopporto paghi pure alla cassa. Ma insomma quest’anno la neve arriverà prima fa troppo freddo                           non ancora non ancora Ah, si guardano la … Continua a leggere

Pubblicato in extramuros, poesia, poesie mie, poestica, poeti ingenui, scrittura | 1 commento

Ouarsaset

Eh,mi spiace anche a mio marito ha ceduto il cuore -adesso chi lo porta fuori il cane a pisciare- Mise la crema tutti i giorni era importante averle in ordine, le mani per chiedere gentilmente ai passanti Sai la cosa … Continua a leggere

Pubblicato in extramuros, poesia, poesie mie | Lascia un commento

1

In delicate mani si è messa la donna giovane e straniera che da per terra elemosina per di più col figlio. E una coppia di grassoni si toglie qualche peso (ma almeno lo fa). Hai chiesto di ripararti l’acqua a … Continua a leggere

Pubblicato in extramuros, poesia, poesie mie | 1 commento

Emersero stancamente dalle mani dei lavavetri, passarono nelle auto semichiuse. L’occhio azzurro che aveva guardato l’ansa del pozzosi fissò sulla ciabatta della vecchia : i dialetti racchiudono gli orti, dovunque. Bambini, donne, uominiin libera uscitacome pioggia dopo l’affanno del caldo:chi … Continua a leggere

Pubblicato in extramuros, poesia, poesie mie | 2 commenti

Lievito di birraLe galline in cerchio,a inventare strade improvvise. La pelle che tira per la pioggia.Arriverà. Si aggiusta il cappello,taglia il formaggio ,due olive nere.Non mancano mai. Quel pane puglieseappoggiato sul petto, il coltello piantato nel cerchio del mondo vela … Continua a leggere

Pubblicato in extramuros, memorie del vento, poesia, poesie mie | Lascia un commento

mercoledì, 11 gennaio 2006, ore 18:19 Lucarini di vetro   Quanti uccelli si levarono in volo, quel giorno? E il re promulgò l’amnistia,E il liquido nella bottiglia, gelòE un ragazzo cineserubò un bacio sull’altalena Quando il lucarino di vetroapparve tra … Continua a leggere

Pubblicato in extramuros, poesia, poesie mie | Lascia un commento

Uh, Lei accarezza la barba ispida scivola sulle dune sabbiose sposta conchiglie spesse tiene sospeso un battito, al momento. Ah,cercava il frutto, la polpa, il riflesso ambrato il camminare delle formiche. Ecco, un campo di margherite spunta da una mano … Continua a leggere

Pubblicato in extramuros | 3 commenti

suq

vecchio capitano che ti sei venduto la barca che chiudi la bocca sdentata che ti sfuggono i pesci sognati stanotte Il tuo secondo sente il braccio mancante richiamarlo al bompresso  mentre i pirati che vedi oggi tirano volpini al guinzaglio … Continua a leggere

Pubblicato in extramuros | 4 commenti

una dentiera pedala pervicace in bici un moncherino stagionato come prosciutto si porta in spiaggia voci di vecchi sfuggiti dagli ospizi casalinghi con la preoccupazione del nuovo mangiare e del nuovo cagare sole come scenario di plastica gelati come olio … Continua a leggere

Pubblicato in extramuros | 1 commento