La sparizione degli alberi di gelsi


La sparizione degli alberi di gelsi


(covar semi col buio
e speranza con la brina)


Prima di lasciare questa
stanza, vuoti le tasche
oh, si! lasci tutto quello
che non è necessario, porti
solo il biglietto e aspetti

e io che in tasca avevo il
cavallo di legno delle giostre
visto solo una volta, mentre
girava
e io che avevo l’albero
di gelsi, quelli neri e
quelli bianchi,
dove solo ero come ebbro
e sporco di vino e di vaniglia

difficile sapere tutte le cose
che rimangono nelle tasche rivoltate,
quelle che solo svuoti
dopo che hai lavato
i pantaloncini

ancora mi manca il piccolo
palombaro trovato dentro
il tide e seppellito nel giardino
di casa, che poi era terra dura
calpestata

e di tutti quei cow-boy e indiani
che colpivo con l’elastico
inventandomi assalti alla diligenza
dove li ho lasciati?

lino di gianni

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...