Poesia senza fissa dimora


Poesia senza fissa dimora

Alle persone fragili
ceppi che ardono
nel camino dei disagi
alle carrozzelle che
non hanno gambe bastanti

alle persone troppo anziane per riuscire a parlare in fretta
le parole scappano,
i pensieri vanno alle spalle
gli altri hanno sguardi di commiserazione

alle persone silenziose che non sanno aggiustare niente
che se toccano qualcosa
creano disordine
che non dormono
mai una notte intera
che se raccontano
un sogno alzano la voce
per paura che spariscano

ai bambini che misurano tutto dall’altezza degli alberi
e che quando gli adulti li guardano non vedono mai
che corrono sul bordo degli universi

alle persone che leggono un libro per chi non vede
che spiegano a segni per chi non ha udito
a chi si muove ignorando i confini

a loro è riservato lo spazio della poesia senza fissa dimora

( lino di gianni ) 19/10/2019

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...