Merendine per ricci 1


Merendine per Ricci

( Favole del Disincanto)

1. Rata-vouloire, pipistrelli.

Col fazzoletto ben stretto, con le rughe a solchi vicino gli occhi, Iole toglie e mette le assi per fare i banchi al mercato. 
Cavalletto, asse, banco e i muscoli delle gambe e delle braccia si induriscono ancora di più.
Non ha bisogno di lampade, con la vita che fa.

Quando non è al mercato, è nei suoi prati a raccogliere l’erba medica per l’inverno delle mucche.
E si porta sempre dietro il suo nipotino, Gervasio.
Gervasio è grande e grosso, ma ha il cervello di un bambino. Colpa del forcipe,e della mancanza di ossigeno alla nascita.

Iole ama questo suo nipote che parla poco e vede tutte le cose ingrandite, come fossero l’erba negli occhi dell’agnello, che ogni filo ha il suo gusto e il suo prato di nascita.
Gervaso è intento a seguire una mosca, con la paletta cerca di colpirla, ma i suoi riflessi son troppo lenti.

“ Mosca deve vivere, dice Io”
Che dici, piccolo? Gli chiede la zia
Mosca vive, e basta.
Va bene , Gervasio, se è cosi, che vuoi.
Perché non mi aiuti adesso, con la pila, che guardiamo se si son riempite le Rata Vouloira?Vai a prendere la pila.

Gervasio apre bene gli occhi, la barba fatta male, sua zia che cerca nelle case dei pipistrelli.

continua

Lino Di Gianni

Annunci

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...