Pane


Pane

Nel piccolo Universo di
un catino di plastica
mischio farina, acqua
e lievito
non peso mai, misuro
a occhio

La pasta che si forma
ha una sua fame segreta:
quando si trova il punto
d’equilibrio, la forchetta
gira e la pasta si
succhia tutta la farina
sparsa

Sorrido a mia madre
che mi insegnava
a mischiare le parole
per farle lievitare

Mi spiegava
come pulivano il grano,
come mangiavano quello
arso, più scuro e di scarto
come il fuoco compie 
il destino dei giochi
segreti dell’acqua con la
farina, complici i fermenti

Nessuno mai ha inteso
Scrivere poesie
Producendo da sé il vino
Cuocendo il pane
E mangiandolo con olio
E pomodoro

Ma in tutto il Mediterraneo
si scrivono versi
che le mani portano
alla bocca

Lino Di Gianni

Annunci

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...