Archivi del giorno: 2 dicembre 2018

Elefanti

  Ah, disse, gli elefanti sono comparsi? Eh,  rispose lei,  con questa umidità,  Lei sa che la mia schiena Avete ritirato ciò che vi aspetta? chiese lui Vorrei impacchettare queste colline, e i cieli in sovrappiù, il peso della carta, … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

Awua

Fece tre passi a destra il filo nella mano l’aquilone a ritagliare ciò che resta nell’angolo obliquo dell’orizzonte la mattina aveva ancora un respiro fondo avvolta nel sacco blu a protezione del freddo nella siepe scura ancora non era pronto … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

Siepe- Govoni

Siepe All’odore crudele che viene dalle spine della siepe il tuo sangue amareggia l’amore, e ti diventan gli occhi una luce cattiva pigiata. Sulla tua statua che cammina aprendo una nuova strada nel vento invano battono le mie parole come … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

Poesia vera

Poesia vera Una volta ho conosciuto una bambina bellissima rami sottili e foglie delicate i suoi capelli e ricci di mare nello sguardo ondeggiante Disegnava coi colori semplici ma le sue matite brillavano di sorrisi a piccole onde (come avesse … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

La bestia

Alcuni non si possono cambiare che ghiaccino nei vetri serrati altri hanno semi da attendere ma non tutti gustano i sogni è necessario tornare a raccogliere buoni propositi e gambe in cammino perché la bestia cova sempre e miete laddove … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

A Cesare Pavese

Il diavolo sulle colline (a Cesare Pavese)   A saperla guardare la strada ti conta le storie di tutte le scarpe che consumano l’aria gli incontri le chiacchiere il grembiule in ciabatte la minestra avanzata che scalda sul fuoco finanche … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento

Riti di passaggio

Riti di passaggio Come un piccolo spazio di luce tra gli alberi gli uccelli e il fresco del primo mattino il passo rallentato gustandosi il fiato i pensieri solo uno alla volta, intimiditi uscendo, chiudi tu la porta e spegni … Continua a leggere

Pubblicato in lino di gianni | Lascia un commento