Quante erano le zucche?


cantori

Quante erano le zucche?

Quante erano le zucche
al mercato ?
Mi sono confuso, con tutto quel parlare,
quel vociare di uccelli nelle gabbie, il consenso
dei cani abitudinari a quell’ora,
il vinello leggero col sole e con quel certo venticello.

Quante erano le zucche
al mercato?
Tutti quei ragazzi, che aspettavano muti
tagliuzzati nel corpo, tatuati sul labbro
tutti fermi sul porto a vedere le navi partire
treni vuoti arrivare ed in mare, le genti, a morire

Io per me cercavo parole, patate e carote
qualche verza d’avanzo per farne melata
con uva passa. Vedevo questi uomini e donne
con la pelle aggrinzita, resistenti alla perdita dei
sorrisi, con gli occhi profondi dei laghi agitati

Poi ho visto, a Parigi, il ritorno dei Comunardi
(li trovarono , anni dopo, dalle foto fatte sulle barricate, per vanità)
e ho ghignato, di conforto
per quei vecchi/nuovi giovani,
mai stanchi di lottare ( e di cantare)

(lino di gianni) 11 Aprile 2016

 

 

 

 

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni, poesia. lino di gianni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...