Santoreggia


Santoreggia

Appoggiato sul bordo della notte
sbuccio patate e netto melanzane
chiedendomi se mai ci fu poeta
che incluse,tra la ricerca delle
parole,anche la manutenzione degli
affetti

Che i sogni rimangano misteriosi, inclusivi
e opachi alla nostra coscienza
che si esprimano con rivelazioni
casuali (lo sai che ti agitavi nel
sonno forse soffrivi per qualcosa?)

Ma di cosa altro siamo fatti
se non piccole epifanie eventuali
legate a un bosco, una stanza
o all’abitudine di trasformare
distanza in confidenza
come sottraendo di continuo mattoni
alla nostra casa comune
per ricostruirla

Tra coccole e patate e grandi
Spaventi e piccoli riti quotidiani,
fiammiferi per accedere ai ricordi

(lino di gianni ) 8 agosto 2015santoreggiadomestica

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...