L’assedio degli uccelli


L’assedio degli uccelli

Nel piccolo perimetro della
casa quintali di piccole
cianfrusaglie
che hanno un valore affettivo
solo per noi
ci descrivono

Non è detto che interessino
a qualcuno altro e gli uccelli
che cantano fuori mentre finisce
la notte ne sono buoni testimoni

Quando la nostra vita è in pericolo
quando con freddo disincanto
ti accorgi che la malattia non ha
confini di salvaguardia
è quel piccolo cerchio magico di
memorie a tenerti in vita
insieme a gesti casuali
di affetto
che ti muovono a commozione

Ti senti come un vecchio rimbambito
che piange in silenzio senza che si
vedano lacrime
Ti senti come se ringraziassi di tutto
anche di un tovagliolo per pulirti la bocca

A volte si sorride come se
dovessimo raccontare
come è fatto un albero
come ci copre quella nuvola
e perché
stiamo aspettando la pioggia
(lino di gianni) 29/5/2015uccelli giap

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...