Nel Gran Circo della Vita-poesia-lino di gianni


uomo

Sono, le parole del mattino
lo sguardo su una esterefatta
parte di mondo
forse quella che hai
lasciato, nella notte
forse è cambiato il tempo
un sonno più inquieto

Sono, i silenzi del mattino
lo sguardo di una riconoscibile
parte di mondo
diversa
dalla notte che hai
attaversato per le dimenticanze
d’affetto, gli atti mancati
il sonno improvviso

Nelle tre ore che precedono
l’apertura del Gran Circo
si intuisce la graduale
predisposizione delle figure
dello spettacolo:
a me non so mai
se è riservato
il ruolo del pagliaccio, del domatore
o dell’inserviente

Quel che è certo,
nel mio circo
non si fa uso
di animali !

(lino di gianni) lunedi 25 agosto 2014

Annunci

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni, poesie e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...