Due poesie


Ossidiana

Dentro, minerale
di ossidiana
in agguato, ma cheto
come qualcosa
che raschia in gola

i più, sono maratoneti
del quotidiano
cumulano fatti, pause,
preoccupazioni

non piantano fiori,
non guardano fuori
come se fossero
al telefono continuamente

poche facce interdette,
custodiscono ancora,
una sorpresa

una cicatrice che fa male
(lino di gianni) 31/3/2014

 

Le mamme bambine
Rimangono chiuse, negli occhi
le conchiglie viste
da bambini
e non si arresta la neve
nella boccia
che la mano sudata, rovescia

scappano in aria, questi
palloni rossi gonfi
di elio malpagato,
ti mostrano l’america vista
dall’alto, senza esserci mai
stato

cercano madri, le mamme bambine
si ritrovano un bebè che non è
nemmeno di plastica,
somiglia più a un pesce rosso,
vinto alla giostra
dopo aver perso il biglietto
per tornarsene a casa

 

(lino di gianni) 31/3/2014

 

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni, poesie e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...