Ballare su due piedi


Ballare su due piedi,
come per il freddo,
con sorrisi incerti

soffiarsi il naso,
espirando gli spettri,
guardando di traverso

negare sotto tortura
di leggere poesie,
al massimo istruzioni
per assetti di volo

consumare le pagine
di un esile quaderno,
per scrivere solo i
ricordi casuali

misurare gli spazi,
quando dormiamo insieme,
per dire, sai, stavolta
il mio mare,andava fino a lì

sono tutti gli esercizi mattutini,
in luogo di piccole preghiere laiche,
come se avessi speranze sorrisi e freddi
in abbandonza,
nel mio parco ecologico personale,

un orto seminato a sogni, interdizioni
disappunti e incoraggiamenti,
al lume di poche, esili
bastanti candele di amicizie

(lino di gianni) 28 marzo 2014

busso

Annunci

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni, poesie e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...