Carne appesa a stagionare


1-arte

 

 

 

 

 

Come carne appesa a stagionare,

in piedi, nel tempo
la nostra aria sono i dolori
siamo costituiti di ricordi,
fatti di paesi che non
esistono più

Indossiamo gli stessi abiti di gioventù,
cerchiamo la medesima pettinatura,
fissiamo con lo sguardo
gli occhi di chi non c’è più,
eppure fingiamo che tutto
viva e lotti insieme a noi

Siamo l’aria del buio del primo mattino,
ci salutiamo fingendoci parenti,
e appena luce torniamo nei nostri loculi,
alle abitudini amare e ripetute

la nostra fortuna,
è che abbiamo corde fragili
non reggerebbero il carico
di tutti i sogni che abbiamo
interrotto

 

(lino di gianni) 2/12/2013

 

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni, poesie e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Carne appesa a stagionare

  1. abdensarly ha detto:

    molto bella Lino. Ciao.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...