Impression soleil levant


 

Monet

Monet

 

 

 

 

 

 

 

“ Alla fine: chi saranno coloro
a cui avremo voglia
di dirlo?”

 
Intanto, giunse nella piazza
riconobbe la fontana, la finestra
da cui si affacciava
il negozio del latte le caramelle
la chiesa

O era un’altra, la piazza
la fontana?
Chè forse l’acqua era
difforme da un altrove?

O successe che quando si affacciò,
aspirò ad un fuori
più degno, più risolutorio dei limiti
imposti dalla geografia degli
angoli?

Sua sorella con le trecce e un foulard
in testa, attorno a un monumento
perché allora ti facevano le foto
abbellite da qualcosa, da solo
non bastavi

Sua madre stretta dietro la moto
forse col figlio a casa
o ancora prima di nascere

La coppola del nonno che
toglieva solo per mangiare
come fosse una porta da cui uscire
un vestito per coprirsi
i pensieri

Ha importanza la piazza, la finestra
la chiesa ? il latte che fu bevuto ?

Tutti siamo ancora lì, mentre scartiamo
quella caramella
e tra la carta e la bocca
manteniamo sospeso il dubbio
sull’ averne ancora domani

 
17 marzo 2013                  lino di gianni

Annunci

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni, poesia, poesie, poesie lino di gianni e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Impression soleil levant

  1. massimobotturi ha detto:

    ha la stessa importanza di ogni luogo del mondo, dove si srotola la meraviglia della vita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...