Che i corpi deviino un poco


1-iome

« Perciò è sempre più necessario che i corpi deviino un poco; ma non più del minimo, affinché non ci sembri di poter immaginare movimenti obliqui che la manifesta realtà smentisce. Infatti è evidente, a portata della nostra vista, che i corpi gravi in se stessi non possono spostarsi di sghembo quando precipitano dall’alto, come è facile constatare. Ma chi può scorgere che essi non compiono affatto alcuna deviazione dalla linea retta del loro percorso? »
(Lucrezio, De rerum natura)

le colline, e gli alberi
dappresso e un sentore
di mare in fondo all’apertura
li sto smontando
mettendo dentro
un bicchiere con un liquido
ad alta diluizione
che conservi traccia
e memoria dell’acqua

mangio frammenti di frutta
di diversi colori cuori
amori pensieri riposti
sguardi raddolciti
saluti sobri e partenze
trattenute

ho inforcato la scopa
del mio amico ronzinante
pulisce gli occhi la schiena
e attenua la luce quando
è forte

nel pulviscolo  il diaframma
 universo sospeso
sogno opaco
mai riportato
alla coscienza
dell’alba

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Che i corpi deviino un poco

  1. Angeles ha detto:

    E’ la coscienza dell’alba a mantenere sospeso il pulviscolo! Mi piace, però, immaginarlo spostandosi di sghembo, sfidando la gravità.

  2. linodigianni ha detto:

    si, di sghembo–è cosi che ne usciremo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...