Radici


HCB1934003W00004

Uno due tre, saltando
nel lago
sulle pietre messe così
che non sai mai prima
dove andrà il piede
e se l’aria che sposti
muoverà l’eco
nell’acqua, uno due

al tre ti trovi sospeso
tra un pensiero e una cosa
che non ti viene più in mente
alle spalle il sole stende
i suoi panni, quasi una schiena
da grattare con tutti i suoi
sagrin

uno, che ho cambiato paese
casa mia adesso mangio diverso
un po’ manca un po’ resta
quel che ero anche di qua

due i miei figli che crescono
e non hanno conosciuto
i ricordi che ho vissuto

tre poco male, avranno
altre foglie da riempire
il cuscino in cui dormire

uno, vengo da laggiù
due, ma son sempre
stato qua
tre, di chi sono?

Del lago, della terra
Di riso cozze e patate
O della polenta?

5 febbraio 2013 lino di gianni

foto di henri cartier-bresson

Annunci

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni, poesie, poesie lino di gianni, riso cozze e patate. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...