attorno a una lingua


FERNANDO-BOTERO-Dancer-olio-su-tela-40x50

ne accadono, di stranezze
attorno a una lingua che,
si vuole, forse,
imparare

pensa a chi comincia
da adulto, con tutte
le difese,
coi suoi vestiti
con il suo modo di essere
e deve mettersi lì,
davanti a tutti,
a venti, trenta o quarant’anni
e far vedere che non è andata
a scuola, nel suo paese

se poi, oltre la parola scritta
non sai ancora nemmeno parlare
nessuna altra lingua, oltre
quella del tuo paese,
è come avere un muro che,
a 1000 chilometri di distanza
non ti fa mai uscire

ieri è arrivato un sms, a lei
mi ha chiesto di leggerlo
diceva: io ti penso, e tu?
Lei lottava contro il tempo
per saper scrivere la risposta

con un’altra donna, nel corso
discutevamo della tragedia
delle armi nel suo paese,
e lei mi diceva che, finora,
aveva un blocco ad imparare
l’italiano
perché aveva paura di rimanere,
per sempre,
qui

quando le ho detto
che imparare una lingua
è come saper suonare
uno strumento,
cioè una cosa bella che
non si compra con i soldi,
ha sorriso e si è messa
a studiare e mi ha raccontato
dei suoi due gatti
e dei figli che hanno scelto
i loro nomi

18-12- 2012    lino di gianni

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni. Contrassegna il permalink.

3 risposte a attorno a una lingua

  1. blickwander ha detto:

    Da tre mesi lavoro in questa realtà e quello che mi spiazza, mi imbarazza è sentirmi dire spesso “grazie”. L’imbarazzo forse nasce da una colpa atavica che l’occidente si porta dentro, lo stesso imbarazzo che ho sentito ieri durante una lezione di storia mentre una corsista di colore, nel corso di una discussione sul colonialismo, mi ha chiesto “professore chi sono i pellerossa”, dopo di che ha detto “ripensando a questo periodo storico ti viene una rabbia…!”. Cosa rispondere a questa rabbia? Cosa dire? Chiedere scusa? A volte penso che la “razza” inferiore siamo noi uomini di pelle bianca di fronte all’umanità di questi immigrati di varia etnia, sì, forse loro sono il residuo di quella umanità che abbiamo perduto sommersi da questo capitalismo selvaggio in cui ci ritroviamo a vivere.

  2. linodigianni ha detto:

    in quale ctp sei finito?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...