Circo Otamo- racconti- 1


398132136

 

Circo Otamo
Racconti

 

Truck arrotolava i tendoni del circo, per preparare un altro spettacolo. Un circo speciale, quello, del Circo Otamo.
L’altro componente era la donna Chouette, che aveva molti ruoli nel Circo, sia per povertà di mezzi, sia per creatività di spirito. Lei faceva l’imbonitore, il bigliettaio, il pagliaccio triste e soprattutto il Riporter.
Cos’è il Riporter? domandava la gente durante il suo numero più famoso. E lei sempre rispondeva: ” Qualunque cosa vi scappi, io ve lo riporto. Fosse anche la Felicità!” E tutti ridevano, un po’ sperando che fosse vero.

Truck era innamorato da sempre di Chouette, ma non osava dirglielo per paura che il Circo crollasse dopo un eventuale rifiuto.
La donna si divertiva un mondo quando lui non capiva le battute di spirito o poteva spruzzargli l’acqua col fiore gigante di gommapiuma.
“ Truck- diceva durante lo spettacolo- guarda come sono brava ad andare in bicicletta sulla corda tesa”. E l’uomo sudava, perché anche se lei era brava, il numero era fatto a venti metri d’altezza, senza protezione.
“ Truck- diceva durante lo spettacolo- senti che buon odore di montagna ha codesto fiore che caracolla per te?
Caracolla per me? chiedeva Truck e aspirava dal fiore e uno spruzzo gigante di acqua e risate lo sommergeva.

Un giorno, un triste duro nefasto giorno, dal Circo Otamo sparì l’animale più prezioso: L’Elefante!
“ Un circo senza elefante non può esistere” piagnucolava Truck.

“ E che cosa ci sto a fare, io? Il più famoso Riporter di Giaburghen e dintorni? Lo riporto io, l’elefante, tranquillo”.
Già, pensò, Truck, prima bisogna trovarlo, però. Ma un elefante mica sparisce così nel nulla, qualcuno l’avrà visto.
Non aveva ancora formulato il pensiero che notò un plico sporgere vistoso dal finestrino della loro roulotte.
Qualcuno aveva incastrato questa lettera color busta di pane.
Truck aprì, lesse col cuore in gola:

“ Abbiamo rapito vostro elefante. Stop.
Se volete riaverlo, dovete pagare. Stop.
Rispondete e seguiranno istruzioni.
Se Chiamate Polizei, elephante Kaputt”

Proprio in quel momento un ragazzo magro, alto e dinoccolato, col naso rosso da clown, si presentò sparando un biglietto dalla sua pistola da pagliaccio allegro.
Il biglietto diceva, “ Salve!” e la sua bocca sorridente come luna piena diceva “ Sapevo che mi cercavate, eccomi qua. Sono il pagliaccio allegro che sostiene il pagliaccio tristo”. E fece un magnifico inchino scoprendo una sciarpa di velo azzurrino con mille stelle luccicanti.

“ Per centomila cognac invecchiati, e chi cavolo è questo?” disse Truck, col fiatone per l’apparizione inaspettata.
La sparizione dell’elefante, il riscatto e adesso questa novità.

“ Scusate, disse la ragazza, mi dimentico sempre che la gente pensa sempre alle proprie cose e non si aspetta novità.
Sono il pagliaccio Ilario, vengo da Porto Alegre, e mi piacerebbe lavorare con voi. Mi hanno detto che siete bravi e generosi, ma forse si sbagliavano?”. Truck guardò Chouette. Chouette guardò il pagliaccio allegro, e sorrise.
Si! Era fatta, se Chouette rideva, poteva rimanere.
“ Per me son stati i massoni, a rapire l’elefante!” disse Ilario.
“ Loro c’entrano sempre, e non si sbaglia mai”.

Chouette, che non per niente era il miglior Riporter dei dintorni di Giaburghen cominciò a pensare. Mm. Pensare alle tracce di un elefante. Alla puzza, al suo cibo, alla sua mole (e al suo amore per i popcorn) (vuoi vedere che non l’hanno, veramente, rapito?)

 

( continua)     Lino Di Gianni

Annunci

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in circo otamo e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...