gli asini caduti giù-poesia-lino di gianni


Come fossero tutti,
in attesa di una nave

davanti a uno sportello
nella stanza piena di sedie
accatastati in piedi
trafitti da un numerino

come tonni spiaggiati
chi il ginocchio,
chi il fegato

Un uomo e una donna
enormi, altri due magri e piccolini
alterchi con le impiegate
recite dei dottori

come presenze sulfuree
si dispensano pastiglie
una, due, dieci
ogni malore un clamore
di principi attivi

come oche all’ingrasso
ingozzati di foie gras

c’era solo una ragazza
giacca pisello e scarpe viola
arrotondava la err anche con la sua
faccia tonda
vittima di qualche cromosoma
si divertiva forse a contare
gli asini caduti giù
dalla sua Torre immaginaria

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...