La notte che la città sparì-poesia-lino di gianni


la città lo sfiorò
come volo di farfalla
che si perdeva altrove
salendo nei bianchi e nelle luci
liberandosi

solo poco prima la latta
e la mancanza di senso
e dopo quella messinscena
che riacquistava fascino e odori e
persone solo dalla mancanza
completa di movimento voci
e facce

per la prima volta una via
risuonava degli antichi passi
sorprendendo la memoria dei suoi
abitanti obnubilati
dalla menzogna
presi per la gola
e costretti a quella
semplice viltà:
fuggire, dormire
rivivere in sogno
i margini di un cerchio
di sale

la civiltà che si mischia
all’ombra che sparisce
e sale il sipario
dei barbari che siamo diventati
tra latta, semafori
e mio dio come sono
in ritardo

 

29/09/ 2012 lino di gianni

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in poesia, poesie, poesie lino di gianni, poesie mie e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...