il passero due punto zero- poesia-lino di gianni


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“il giorno sereno
cadendo si dilegua, e par che dica
che la beata gioventù vien meno”(Leopardi)

d’un salire le scale
e scenderne fiorito
d’un guardar maiali
e difendere le scarpe
come confine

mai abbastanza si ricuce
si tolgono pietre
dall’alveo
mai sono bastanti gli occhi
a prestito

come indossare
vestiti di altri
con dentro
vite usurate

in questa stanza
che preclude sguardo
solo la tenda sposta
la notte
coi rumori nuovi
il sole l’aria
il cibo e lenzuola
nuove

nella trincea assegnata
o cuccia di cane e catena
ti legano a una flebo
ti indormono
ti misurano
ti pungono ti rivoltano
ti spingono sostanze
come giù da un tubo stretto

la differenza è la
compassione
anche nell’ ospedale
puoi essere un problema
o l’occasione
di un incontro

massì, ma non c’è tempo
e questa non è poesia
e niente di ciò che hai
letto, conta

chiudi un momento
gli occhi,
e sparisce

 

 

26/9/2012 lino di gianni

Annunci

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...