Cronache marziane-poesia-lino di gianni


sfilò l’anima in ferro
ai papaveri di plastica

raccolse le foglie
cadute nell’ultima stagione

poi radunò le briciole per gli uccelli

il rumore del motore sfiatato
riempiva la campagna come
di un respiro asmatico
la corsa di un vecchio treno
su binari vecchi

le sfere azzurre che morbide
risuonavano come sonaglini
agli occhi dei bambini
rimbalzavano senza fretta

presto sarebbe arrivato l’autunno
e le fontane avrebbero preso
a scorrere dentro la corteccia
degli alberi

i fiumi a risalire verso le fonti
e il cielo si sarebbe riempito di
uccelli migratori

la diga delle formiche era
quasi terminata, il loro cielo
in ordine

buttò via l’ultima lattina
e si sentì assolto

2 settembre 2012 lino di gianni

Annunci

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Cronache marziane-poesia-lino di gianni

  1. intarsiodiversi ha detto:

    bella! trasmette un “tutto” a cui non gli si può sfuggire.

  2. linodigianni ha detto:

    è un commento molto poestico, il tuo. Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...