nel giorno che persero la Luna-poesia-lino di gianni


io ogni giorno bagno
il mio balcone
coi fiori, margherite
e tante altre cose
il sole sopra noi
è come uno spavento
che incendia il porto
i frangivento e pure
i gabbiani
che si fanno ardenti

i miei amici son neri
nivuri come le seppie
ma quando ci dico
alzatevi , taciti
obbediscono
pazziando un poco
m’accompagnano

in questo libro strano
mi segno tutti gli
acquisti, che fossero
sardine, argille o
porcospini
m’incanto da stordito
per una pala nuova
ma il cane lo capisco
e mangia da cristiano

mi piacerebbe che fossimo
nati lo stesso giorno
nel medesimo paese
così avremmo corso
lo stesso numero di passi
spiegato i santi alla luna
e rincorsi i sorrisi
di tutte le marie e rose
e carmeline

seduto davanti al camino
solo disegnato nel muro
invento fiamme, voci
e sorsate di vino
aspettiamo autunni
ma anche Primavere

Annunci

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...