cromatismi


aveva un corvo, bianco
rosso e giallo
e un portachiavi
per ricordare
la danza sulle punte
degli ombrelli
gli ami sfuggiti
di bocca ai pescespada
gli occhi rotolanti
come bocce da centrare

aveva un gallo, bianco
rosso e giallo
galleggiava nell’acqua
screziata
dai piccoli artigli di
pianura

ricordò le fossette
il vestito a stelline
la prima volta
che mostrò
orgogliosa
i seni acerbi
al vento

poi disse, andiamo
scendiamo nel vento
troveremo
la strada e
predispose gli occhi
a fessura
come le alici
nel volo
del gabbiano

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...