Ma io lo so, che capisci


ma io lo so, che capisci

ascolto la cronaca della fuga
con la bottiglia di acido
rotta in testa e sulla schiena

ascolto della necessità di cure
in ospedale psichiatrico
per la madre
e posto lontano privato costoso

allora la decisione di tentare
di attraversare il deserto
dove è 100 anni che non piove

e l’acqua costa 100 dollari al bicchiere
ed è sporca e viene dalla montagna

e poi il barcone in 254 ed è legno
e può affondare e marito e moglie separati
da uomini con la pistola

e in libia lavorato e niente soldi
chi protesta 3 mesi in prigione
solo che chi protesta ci rimane
e si dimenticano di te e muori

e la felicità di mangiare a lampedusa
e troppa confusione e litigi a bari
poi in un paese del nord
bene ma senza lavoro come vivere?

e poi quello che diventa sordo per il lavoro
che fa, e poi la moglie italiana
che si ammala di cancro e lui perde il lavoro
e dove trova la forza per studiare
e la maestra che dà le protesi acustiche
che appartenevano a sua mamma

e la donna che arriva dalle risaie del Vietnam
e oggi assiste anziane che non capisce
ma intanto studia l’italiano e scrive e parla
del suo paese

e la donna che parla del velo e della necessità di portarlo
e del costume lungo con cui fa il bagno
e delle spiagge divise in marocco, a certe ore gli uomini
in altre le donne
e io mentre ascolto, una a una , dimentico le parole
italiane le sostituisco con suoni sconosciuti e mi dico
non ho che una lingua, e non è la mia

 

19 giugno 2012 lino di gianni

Annunci

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...