Uh, le rose d’antan


foto di dondero

uh, le rose d’antan
quel rosa d’un rosa chiaro
appena sussurato come quelli
tutti in bianco a mangiar
aragoste nel picnic a sorpresa
in place des vosges
e nelle periferie che si
arrangino con le cochecole
le radio sulle spalle
fatti non foste per viver come
exceterà..exceterà

che mondo questo qua
che non puoi vedere niente
senza pensare all’origine di classe
alle opportunità di crescita
che ha avuto o se la sola
strada era scappare, ma come,
se c’è di mezzo il mare e un deserto?

quel battere e ribattere silente
come un vecchio ciabattino
delle madri di tutti i continenti
nel tirar su, pazienti
qualcosa che dia speranza
è una cosa che commuove!

in un mondo in cui tutto ha un posto
già assegnato
qualcuno mischia le carte,
tira fuori un mazzo nuovo,
rischia

che possa nascere ovunque
chi dirà ancora una rosa
è una rosa è una rosa

 

16/06/2012 lino di gianni

Annunci

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Uh, le rose d’antan

  1. massimobotturi ha detto:

    la tua poesia è un filo di lana mai spezzato con il mondo reale

  2. linodigianni ha detto:

    è una bella, semplice, efficace definizione.Grazie molte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...