le donne del sesto


 

Forse fu l’abbaglio
quieto
delle margherite

o lo smarrimento
dei rododendri
sotto un cielo
senza presagi
d’acqua

mentre tu
guardavi mite
gli assedi
alle fragilità
del corpo

io facevo finta di
ripetere
la separazione
dell’orizzonte

Ruscello, cercavo
le barriere casuali
dei sassi
negando alla
terra la sperata
fertilità

Incapace di decifrare
Neanche il più
Piccolo canto di un
Pettirosso
Raccolsi more selvatiche
Fino a sentirne
radici :
mi recintarono dopo
a foglie spuntate

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...