Qui-poesia-lino di gianni


 

implume incollato
un piccolo aereo di carta
decollò
mantenendo la rotta a stento
su piccoli mari
e veloci montagne
spinto dai battiti d’anatre
riprese
imprevedibilmente quota
e orizzonte e mare
sottostante
con le alghe e i gabbiani
che intrecciavano storie
con i granchi che
sembravano piccole stelle
del firmamento
e planava adesso
come fosse a motore
un battito alterno come
un motore d’inverno o
un cuore che sgela
nella nebbia del primo
mattino
ma che strano oramai
un calore d’assalto
quasi uovo che schiude
o la mano che stringe
un bacio quasi stupito
una punta verso
il dito
tutto un viaggio
negli occhi
smagato smarrito
anche un po’ rifiorito
adesso è fermo
che aspetta
guarda il segno
che lascia

Annunci

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...