2. I Racconti dell’ Ostello ( al Conte Rosso)


Lungo il corso che attraversava tutta la piccola città, dai Laghi alla stazione, un piccolo gruppo di donne marocchine con bambini si muoveva lento.
Andavano insieme alla loro nuova amica turca a vedere il suo negozio di Kebab.
Parlavano tra loro un italiano molto ridotto e stentato, ma sufficiente a capirsi e a ridere .
Ogni tanto tiravano a sé i bambini, per farli calmare.
Ogni tanto vedevano e commentavano le occhiate un po’ curiose e un po’ oziose di chi le guardava passare.
Ormai solo il fazzoletto in testa di qualcuna di loro, segnalava la dedizione all’ Islam. Già le donne ventenni vestivano in stile moderno, con trucco e capelli tinti di biondo.

Omadiu le guardava con distacco, e ripensava a quel giorno che aveva visto due donne marocchine accapigliarsi fuori della scuola.
Una era corsa dentro piangendo e tremando, con la figlia piccola spaventata.
Sembra che prima fossero amiche, poi una si era offesa, non si capisce bene perché e aveva preso a pugni l’altra.
All’uscita Omadiu aveva visto il maestro di italiano che accompagnava a casa la donna picchiata, mentre l’altra li inseguiva insultandoli in arabo, mentre spingeva il passeggino.

“ Sono strani questi stranieri” si diceva Omadiu” con tutto quello che si può fare qui passano il tempo a parlare tra loro. Non sono come me, che ho una mentalità aperta.
Io faccio girare l’economia: i soldi da te a me e così io posso comprare e tu poi guadagni.
Eh, mica facile capirlo, con la crisi ,  per i diavoli bianchi”

10 /5/ 2012 lino di gianni

Annunci

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in racconti dell'Ostello e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...