La donna abitata


foto di lino di gianni

Era sotto il campanile
al riparo del vento
o nel gabbiotto degli
attrezzi vecchi
una macchia un po’
schiuma
un odore preciso
dapprima un’alga
poi qualche piccolo movimento

Era dentro il cestino
sembrava sabbia
di quella che dimentichi
ma c’era un’orma
difficile a dirsi
chi poteva perdersi
a passare di lì
ora che aperto
sembrava ingrandirsi

Era dentro di lei
quell’aria unica
di salmastro che fin
gabbiani conservano in testa
l’acqua la sabbia i passi
e l’alga immutata
un po’ umida di rimpianto
un po’ lucida nello stare
accanto
e dunque donna e abitata
maree alte e ricorrenti

la notte tiepida l’alba
pungente

Ho visto un gabbiano
pescare, dalla sua bocca.

Annunci

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni, poesia, poesie. Contrassegna il permalink.

4 risposte a La donna abitata

  1. massimobotturi ha detto:

    sai che c’è anche un bellissimo romanzo di Gioconda Belli con questo titolo?

    sempre impeccabile Gianni

  2. Ángeles ha detto:

    Mi piace molto la immagine ultima.

  3. linodigianni ha detto:

    naturalmente, l’ho letto. è bello
    grazie, Massimo, un saluto da Lino

  4. linodigianni ha detto:

    grazie, Angeles, ma tu pensa a guarire:-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...