Tornare indietro nel tempo-poesia-4 febbraio.lino di gianni


la foto della poesia

Tornare indietro nel tempo

E incontrarsi
a un’età imbarazzante
diciamo sui quattordici
e scoprirsi
diversi completamente
magari infastiditi entrambi
quello di oggi e quello di allora
dalla conoscenza

I pantaloni corti
le scarpe con le calze
una faccia ingrugnita
le braccia chiuse
la madre che tiene il braccio
a una cognata
il padre che guarda stupito
e io in mezzo distante

La mia faccia di allora
sembra molto triste
come invecchiato precoce
clown in disarmo
con troppo peso per
recitare

Ma forse era solo il sole
la camicia bianca con le
maniche arrotolate
usciva già allora
strafugnata
le scarpe mocassini
com’è che nessuno mi
disse di non mettermi
le atroci calze

Mi abbraccio da solo
o chiudo mi proteggo
dietro c’è una croce di ferro
forse era una collina usuale
magari i laghi di qualcosa
unica gita giù in puglia

E’ umoristico col sennno di poi
guardare le donne con la borsa
tra le mani andare in collina
come stando in città
e farsi la foto
come fossero al colosseo

Una che tiene l’altra al braccio
come se temesse il vuoto

Forse io non avevo orologi
che sarebbe interessante
per come sono poi diventato
un orologio in ogni stanza
le due donne gli orologini
mio padre credo non l’abbia mai voluto
per non essere stretto al polso

Mi immagino che a far la foto
fosse mio zio, chissà di chi la macchina
fotografica, con la custodia marron
pesante sgraziata con la pellicola
da mettere che poi prendeva il sole
e ciao, perdevi tutto.

Chissà, arriverei lì, tutto
impolverato e chiederei la strada
un po’ stralunato
mi risponderebbe lui, mio padre
mezzo italiano e mezzo in dialetto
guarda vai avanti cosi che non ti perdi
più avanti c’è una casa magari potesse
manciare lacciù.

4 febbraio 2012   Lino Di Gianni

Annunci

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni, poesia, poesie, scrittura e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Tornare indietro nel tempo-poesia-4 febbraio.lino di gianni

  1. Ma che bella la Maria, bella bella.
    Falle un abbraccio. E tienine uno per te, anche coi calzoni corti.
    z
    (si sta, senza avverbi)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...