In una persistente, caparbia



In una persistente, caparbia
umile volontà

che non si pensa, non si misura
impara lingue, scuse, ringraziamenti

che impara stelle, risate, e modi nuovi
di fare il pane e assaggiare l’olio nuovo,
di olive vere

che entra e dice ciao e mangia con te
e usa il suo tempo in modo semplice
nel presente senza farti pesare
il domani che tutto rimanda

che se chiedi ti dà, senza calcolo
senza convenienze, come fosse da sempre
una bocca con lo stesso fiato

perché abbiamo risalito la penisola
perché abbiamo traversato mari
perché abbiamo imparato nuove madri lingue
perché abbiamo scoperto che per capire
bastava un segno.

Ora, in silenzio, proviamo se nel sonno
abbiamo lo stesso segno
quello di un figlio, una casa, un cibo
quello di un sogno
che contiene tutte le incapacità
come di te quando imparavi a camminare

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni, poesie e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a In una persistente, caparbia

  1. angeles ha detto:

    Necessario realizzare tutto in modo semplice: entrare, dire “ciao” e mangiare col senso della convivialità. Anche il sogno s’ha da condividere.

  2. linodigianni ha detto:

    si, anche il sogno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...