2 poesie: Sarajevo-Non è, Mostar- di Lino Di Gianni


Sarajevo

Forse che, qualcuno pensasse
è già iniziata, la caccia quest’anno?

Solo che a volare, come starne nel bosco,
era un corpo aperto, nell’attimo esatto
in cui l’anima fluì.

Forse che i Campanili, le Moschee, le Chiese Ortodosse
sapevano? Pregavano?

Qualcuno attizzava la fiamma, sosteneva l’onda,
sempre “Il Dio è con noi” degli omicidi in guerra.

Qualcuno, come il sarto del paese, ricordava il suo
preciso nemico da cercare, il vicino di casa, liquori
bevuti insieme, ora gole aperte che esce, il veleno.

Dalle fontane acqua che gorgoglia,
le ultime paure e la sete
nelle gole di vetro.
L’ombra del ponte
solo è rimasta.

Io penso al suonatore di Violoncello
disperato, senza musica, senza pace
che offrì il fianco
che cercò memoria

Suonò solo il legno
mettendosi in croce.

Non è, Mostar

Non è, camminare , e guardarsi indietro.
Non rimpianto, nostalgia, affanno.

Questo scoprirsi di gole seccate
di polvere di vetro, di guerre di lontananze.

Come se mi avessero messo a guardia
di una vecchia sedia impagliata
ne attendo il restauro, per testimoniare
un tempo di diversa consistenza

dove mani legno passione
facevano sostare
un peso
nella bellezza.

Non è, denunciare, o battersi per
Non scelta, decisione, appartenenza

Questo corpo con ossa dolenti
stretto dal corpetto di cuoio, dalle guerre per l’acqua

Come se mi avessero detto rimani
e io fossi andato a vedere oltre tutti
i deserti e le colonne d’Ercole
attendo la resa di voi guerrafondai, rimango in vita
verso che scava, fossa non riempita

Avevamo le mani strette
quando il sole ci ha riportato l’ombra
del Ponte, a Mostar.

domenica, 23 novembre 2008

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a 2 poesie: Sarajevo-Non è, Mostar- di Lino Di Gianni

  1. 00chicca00 ha detto:

    mi hai riportato alla mente luoghi che ho conosciuto molte volte con mio padre, amava quei luoghi e spesso lì ci ha portato ,
    dolore c’è nei tuoi versi , quasi una impotenza che ci assale
    bravo davvero
    chicca

Rispondi a linodigianni Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...