alghe


In una bomboniera
scavata nel corpo di un riccio
Mnemosyne annunciava il suo matrimonio
ridendo per il troppo sidro
strizzando gli occhi per la
troppa luce
mano stretta nel pugno di Anassimandro
giovane eroe greco senza nessuna
grande impresa
tranne l’ozio in abbondanza, i riccioli
ribelli e la passione per le belle donne
ampiamente ricambiata.
Dolci confetti di mandorle e miele
biglietti in fine pergamena
e un vestito con sette volte sette veli:
dicono che fosse un dono del Padre in persona-Giove Nettuno, impegnato con residui d’alga.

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in poesie lino di gianni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...