In morte dolente .Dicembre 2007-Poesie Lino Di Gianni


2007 | In  Poesie Lino Di Gianni

In morte dolente .

Mai avrei pensato di finire
fritto come un pesce
che la schiuma non ci fosse
che l’acqua non bagnasse
chi poteva urlare se non i draghi
più forti dei cannoni Krupp
( chi erano i Thyssen nella Germania nazista? )
più morti della grande guerra
più grande del cartello con su scritto

” Per guadagnare il proprio pane cuotidiano;
si muore anche così, di morte
assurdo
perché ?…”
Ora sono un foglio  nelle mani di mio padre,
un urlo nella sua bocca con pochi denti
bastardi, senza cuore, portafoglio pieno

E senza cuore.

 

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in lino di gianni, poesie e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...