Cucina Pakistana


Nuvole riflesse nel cucchiaino
da caffè girano
come le teste dei
pakistani al mercato di
Porta Palazzo

Parlano idiomi che si nascondono
se non sei vissuto
con quel sole steso ad asciugare
con la pioggia che cade
tra un respiro e l’altro
con l’accoglienza del giorno
benedetto perché viviamo
e la fatica è parte del riscatto
questo ci tocca
sotto tutti i cieli

Al fondo delle terre
che ci portiamo in segreto
un certo modo di svegliarci
a lungo con il cibo che ci attende
quasi fosse necessario scoprirci
figli
prendiamo a muoverci
come farfalle migranti
ignari di quanto spazio
ci resti da attraversare
portiamo in dono
qualche colore in più
per la donna che
ameremo.

Annunci

Informazioni su linodigianni

www.linodigianni.it
Questa voce è stata pubblicata in poesie, poesie lino di gianni e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Cucina Pakistana

  1. massimobotturi ha detto:

    sempre concreto ed elegante Lino, un caro saluto

  2. ilblogdilucycy ha detto:

    Bella! vien voglia di cucina pakistana:-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...